banner


home
archive
text
work
expo
links
data








capriolo - reh


 

capriolo - reh

 

  andreaslinder

 

berkeley




  andreaslinder

 

exmoor




  andreaslinder

 

the perfect human, di jørgen leth
18816 campiture cromatiche monocrome
2015



 
santia_01   santia_02  

 

 




 
ten      

 

...com'è difficile restare calmi e indifferenti mentre tutti intorno fanno rumore...
f.b.




 
andreas linder   andreas linder    




  andreaslinder

   



 
    lost time   lost time




 
     




  fanes




  was immer ein photo dem auge zeigt und wie immer es gestaltet sein mag,
es ist doch allemal unsichtbar: es ist nicht das photo das man sieht.
  roland barthes





 
andreas linder        





 
andreaslinder   andreas linder

  Del nostro venire al mondo.
  Nicola dal Falco





  andreas linder





  andreas linder





 
andreaslinder  





  andreas linder





 
andreas linder   andreas linder   andreas linder

  Tre scatti dove si dà credito alla credenza che la notte non scenda, ma piuttosto salga dal basso, passando attraverso i pori della terra, colmando come una vasca prima l'orizzonte e poi il cielo.
  Nicola dal Falco





  andreas linder





 
andreas linder   andreas linder   andreas linder

  Questo pianeta che si affaccia da distanze siderali, millimetriche è, in realtà, l'occhio dei ciclopi.
Occhio che come dice Gian Battista Vico ci ricorda dal fondo della paura, il peccato della specie.
Tagliare una radura per scopi pratici, alzare per la prima volta gli occhi al cielo e tentare di farcelo amico.
  Nicola dal Falco





  andreas linder





 
andreas linder   andreas linder   andreas linder

  Mi piace così: le nuvole striscianti e l'oro vecchio dell'erba. Camminare sui bordi, di qua e di là, al capriccio del vento e dei passi.
  Nicola dal Falco





 
andreaslinder   andreas linder





 
andreaslinder   andreas linder

  Forse, queste sei foto, disposte a scacchiera, si devono leggere, incrociando lo sguardo.
La prima relazione è tra la scia d'acqua e la luce filtrante nel bosco. Ambedue si raggrumano,
tendono a farsi mandorla.
Continuando nel gioco di specchi, al fuoco d'artificio delle erbe secche potrebbe corrispondere
il prato in dolce declivio, bruciato con il suo carico d'alberi, nella notte dei tempi, per essere dissodato.
Al punto che l'anima grafica, il puro segno dei rami sullo sfondo del cielo, equivalga ad un canto interrotto,
ad una domanda ripetuta.
Il cane, infine, non abbaia, riservando il proprio commento ad un più circostanziato ululato.
  Nicola dal Falco






  andreas linder

  una sola cosa é necessaria: la solitudine. la grande solitudine interiore.
andare dentro di sé e non incontrare nessuno per ore, é a questo che bisogna arrivare.
  r.m. rilke





  lochkamera

  Viaggio in Siberia o in un pomeriggio qualsiasi.
  Nicola dal Falco





 

heyhey






 

  A volte, non è tanto l'ombra a salire, ma il battere d'ali del buio.
  Nicola dal Falco





  andreas linder

  Ghiandaia e scoiattolo: è una tavola troppo stretta. Chi li ha voluti insieme,
di nuovo e per sempre, esprime il sadismo lirico della specie dominante.
Ricreare un minuscolo circo per arboricoli gladiatori.
Che belli, però, il ciano delle piume, intervallate da piccole righe nere e la
coda parlante dello scoiattolo!
  Nicola dal Falco





  andreas linder

  Camicia: casta immagine in cui restò impigliata l'aura di un tale.
Sua anche la radiografia del braccio, accidentalmente impressionata sul pavimento a piastrelle.
  Nicola dal Falco





  ...





  andreas linder





  andreas linder

   

   



 
     






© andreas linder